Suggerimenti per velocizzare il tuo sito Web

Google è in genere riservato su come funzionano la SEO e il posizionamento dei siti Web. Tuttavia, una cosa è certa: la velocità della pagina è un fattore enorme. Il motore di ricerca Behemoth ha detto, “Sviluppiamo algoritmi per promuovere pagine più utilizzabili rispetto a pagine meno utilizzabili, a parità di altre condizioni. Questi algoritmi analizzano i segnali che indicano se tutti i nostri utenti sono in grado di visualizzare il risultato, come… se i tempi di caricamento della pagina funzionano bene per gli utenti con connessioni Internet lente.”


Avere un sito Web super rapido, sia per la versione desktop che mobile, è essenziale per il successo del tuo sito Web. Il 70% degli acquirenti online afferma che la velocità con cui viene caricato un sito Web avrà un impatto negativo sulla volontà di acquistare da quel particolare sito Web. L’ultima cosa che vuoi è perdere clienti nei confronti dei tuoi concorrenti perché il tuo sito web si sta caricando troppo lentamente.

Ti guideremo passo passo su come migliorare la velocità dei tuoi siti Web, incluso tutto, da come scegliere il giusto piano di hosting per ottimizzare il tuo sito.

1. Aggiornamento del tuo piano di hosting

Quando scegli un piano di hosting, potresti essere tentato di scegliere il piano più economico. I piani di hosting condiviso tendono ad offrire il costo più basso, ma possono anche rallentare il tuo sito web. Attraverso un piano di hosting condiviso, devi condividere le risorse del server con innumerevoli altri client.

Se riscontri livelli di traffico più elevati o hai bisogno di più risorse di quelle che un ambiente di hosting condiviso può offrire, allora potresti voler aggiornare i tuoi piani di hosting. Ecco alcune opzioni:

  • Server dedicati. I server dedicati sono élite nell’universo di hosting. Offrono ampie risorse di un intero server fisico che funziona solo per soddisfare i requisiti del tuo sito Web. Di conseguenza, non vi è alcuna minaccia di bassa velocità causata da altri siti Web’ carico di lavoro. Inoltre, vengono forniti con hardware di livello aziendale, che accelera automaticamente le prestazioni del tuo sito Web. Puoi anche personalizzarlo per adattarlo alle tue specifiche esatte. Tuttavia, il più grande svantaggio è che è il tipo di hosting più costoso.
  • Hosting VPS. Per quelli di voi che non possono ancora permettersi un piano di hosting dedicato, esiste l’opzione praticabile dell’hosting Virtual Private Server (VPS). Questo tipo di hosting offre numerosi vantaggi dedicati al server a prezzi molto più bassi. Avrai accesso root completo per configurare e controllare tutte le risorse server specifiche del tuo server virtualizzato. Quindi il tuo sito Web può utilizzare ogni unità delle risorse allocate come RAM, core della CPU e larghezza di banda. Come mostra la seguente immagine basata sul test AccuWeb, VPS può caricare i siti Web a una velocità molto più elevata rispetto all’hosting condiviso:

Aggiornamento del tuo piano di hosting

2. CDN

Una rete CDN o Content Delivery Network è il servizio responsabile della consegna di pagine Web e altri contenuti Web all’utente. Consiste in una griglia di server locali, che contengono tutti una copia di "pesante" contenuto del tuo sito Web – immagini, file statici, ecc. Quando un utente accede al tuo sito, il centro dati CDN più vicino all’utente fornisce loro il contenuto del sito Web.

Quale CDN dovresti usare, allora? Si consiglia di iniziare con Cloudflare, semplicemente perché il loro servizio è affidabile, facile da configurare e ha un piano di base gratuito che supporta SSL.

Alcuni consigli dei nostri esperti: "L’uso della rete CDN di Cloudflare aiuta anche a migrare il tuo sito web

un host più veloce, inoltre, non ci sono tempi di inattività. Sostituire il tuo host con uno più veloce è qualcosa che dovresti sempre considerare. Ma ricorda questo: se stai apportando modifiche significative al tuo sito Web, elimina i file o metti in pausa il servizio mentre il tuo team è lì. Se le modifiche sono solo testuali, starai bene così com’è."

Molte volte, il tuo provider di hosting fornirà Cloudflare gratuitamente. Leggi la stampa fine prima di scegliere un provider di hosting per vedere se hai accesso a questo vantaggio.

3. Plugin di cache

Questa è probabilmente la tattica più nota per l’ottimizzazione della velocità dei siti Web. Sebbene siano disponibili fantastici plug-in di cache gratuiti, come WP Total Cache o WP Super Cache, potresti prendere in considerazione l’idea di pagare per una versione premium, nel caso in cui il tuo sito web stia cercando di raggiungere un ranking più elevato o abbia vendite ben definite / imbuto di marketing in atto.

Un avvertimento: "Alcune funzionalità del plug-in della cache apportano un miglioramento minimo in termini di tempo di caricamento e hanno il potenziale per confondere con altri plug-in installati sul tuo sito Web WordPress. Tienilo a mente e testa sempre per vedere come influenzano il tuo sito web.

Per misurare la velocità del sito, Booster Monster utilizza principalmente Pingdom e occasionalmente anche GTMetrix. Assicurati solo di testare il tuo sito Web da una posizione più vicina al tuo host."

La configurazione del plug-in della cache potrebbe sembrare intimidatoria, ma prova semplicemente la funzionalità del tuo sito Web per assicurarti che tutto sia a posto. Se nulla è cambiato e Pingdom mostra che la tua velocità è aumentata – ben fatto, tu!

esso’È importante notare che la memorizzazione nella cache può’fare molto per le persone che visiteranno il tuo sito Web per la prima volta. Per i nuovi visitatori, il browser deve caricare ciascun componente sulla pagina Web dai dati del server.

4. Scade le intestazioni

Se hai più del 10% di visitatori di ritorno (che puoi verificare con Google Analytics), dovresti considerare l’utilizzo di .htaccess per configurare le intestazioni scadute. Non è molto divertente farlo manualmente, ma per fortuna alcuni plugin possono farlo per te.

Usa questo plugin come scorciatoia:

https://wordpress.org/plugins/far-future-expiry-header/

Ricorda solo che questo può creare un conflitto con il plugin di memorizzazione nella cache di WP Rocket (ma se hai quel plugin premium, sei a posto).

5. Comprimi il tuo sito Web con gzip

Se oggi togli solo una cosa a questo articolo, dovrebbe essere la punta della CDN. Ma se vuoi qualcosa di veloce e affidabile che migliorerà significativamente la velocità del tuo sito, ciò consentirebbe la compressione gzip.

Gzip può aiutare il tuo sito a risparmiare larghezza di banda e ad accelerare comprimendo le risposte HTTP basate sul browser. Cerca qui le stringhe ricorrenti e le sostituisce con puntatori che indirizzano alla sua prima istanza. In questo modo, alla fine, è possibile ridurre le dimensioni delle risposte HTTP fino al 70%. Puoi usarlo per minimizzare particolari tipi di file o linguaggi specifici come HTML, XML, CSS, JavaScript, ecc.

Questa clip mostra come modificare il file .htaccess. Prestare attenzione e eseguire il backup del file prima di modificarlo. Puoi farlo utilizzando il file manager cPanel di siti Web o tramite FTP.

6. Minimizza i tuoi file CSS e JS

La minimizzazione è un processo simile alla compressione Gzip. Fondamentalmente, la minificazione significa eliminare commenti e spazi (o direttive nel codice che non vengono mai utilizzati), al fine di rendere il codice più leggero. Questo principio è valido in generale: se il tuo sito Web ha dimensioni inferiori a 1 MB, ha maggiori possibilità di caricamento rapido. Molti plug-in aiutano con la minimizzazione e alcuni plug-in di cache lo supportano incredibilmente bene.

Perché non prendere in considerazione il plug-in che usiamo principalmente sui nostri siti Web? Per provarlo, vai qui.

7. Usa CSS Sprites

Forse il suggerimento più difficile da applicare da questo elenco sarà l’utilizzo di CSS Sprites. Questo di solito richiede l’aiuto di uno sviluppatore e aiuta soprattutto i siti Web con registri di grafica. CSS Sprites aiuta a creare una grande immagine da tutte le tue piccole immagini e icone e quindi insegna al tuo sito Web come trovare ogni immagine specifica all’interno dell’immagine più grande.

Non possiamo sottolineare abbastanza quante richieste HTTP salva questa tecnica. Quindi, se vuoi che il tuo sito web si carichi velocemente come un boss, ordina al tuo ragazzo o assumine uno su Upwork.

8. Usa mod_pagespeed

Il modulo mod_pagespeed di Google non è in realtà una funzionalità del tuo sito Web ma piuttosto una funzionalità del tuo host. Ti consigliamo vivamente di prendere in considerazione l’attivazione e il test per vedere se si adatta alle esigenze del tuo sito Web.

9. Rimuovere tutti i JS / CSS esterni

Questo suggerimento è menzionato molto da Google Page Speed ​​Insights ed è discusso in dettaglio nel Web. Quindi, invece di entrare nei bit e nei byte, lo metteremo qui solo per te da considerare:

http://wordpress.org/plugins/footer-javascript/

10. Immagini ottimizzate

Le buone immagini ad alta definizione fanno un’ottima impressione del sito web. Tuttavia, le loro enormi dimensioni rifiutano anche il sito web’s prestazioni complessive abbassando la velocità.

Ottimizza queste immagini per renderle più compatibili con Internet riducendo le loro dimensioni. Per fare ciò, è possibile comprimere l’immagine, ritagliarla o modificarne la risoluzione.

Tinypng è uno strumento online eccezionale che comprime le immagini per ottimizzarle per la pubblicazione sul Web.

Puoi eseguire queste ottimizzazioni manualmente o ottenere assistenza da strumenti specializzati come Photoshop, Gimp, Picresize, ecc.

Esiste anche un plug-in gratuito su WordPress chiamato WP-Smushit che scansiona l’immagine alla ricerca di dati nascosti e ne rimuove le parti non necessarie.

11. Richieste HTTP ridotte a icona

Uno dei motivi principali alla base della velocità incredibilmente bassa di un sito Web sono troppe richieste HTTP in esecuzione in background. Puoi dare un’occhiata al loro numero esatto conducendo un test di velocità su Pingdom. Quindi puoi ordinarli in base alle dimensioni del file e al tempo di caricamento. Puoi aumentare la velocità del tuo sito scoprendo quali stanno rallentando maggiormente il tuo sito ed eliminandoli.

12. Script esterni ridotti a icona

Aggiungiamo spesso molti script esterni per aggiungere un badge o mostrare le finestre pop-up. Può anche essere un set di icone come Font Awesome, caselle di gradimento della pagina Facebook, servizio di analisi web o un sistema di commento esterno come Disqus.

Tutte queste funzionalità extra portano con sé una quantità considerevole di frammenti di codice aggiuntivi. Di conseguenza, la dimensione complessiva della pagina aumenta e diminuisce la velocità di caricamento. Puoi decidere quali di questi non sono necessari e richiedono molto tempo tramite Pingdom ed eliminare quelli in cima a quell’elenco.

13. TTFB ridotto a icona

TTFB sta per Time To First Byte, che misura il periodo di attesa di un browser per ottenere informazioni dal server. Dopo questo periodo, il browser riceve il primo byte di dati. Entro questo tempo, accadono tre cose: ricerca DNS, elaborazione del server e risposta.

Secondo Google, questo periodo non dovrebbe durare più di 200 ms. Scopri quanto tempo impiega il tuo sito tramite WebPageTest o gli Strumenti per sviluppatori su Chrome (l’opzione Cascata nella scheda Rete). Se il sito Web non supera il test, abilitare la memorizzazione nella cache per ridurre la creazione dinamica di contenuto sul lato server.

14. Caricamento asincrono

Gli script come JavaScript e CSS tendono a caricarsi individualmente tramite Caricamento sincrono. Facendoli caricare in modo asincrono, tutti saranno un’azione allo stesso tempo, riducendo il tempo di caricamento delle pagine Web. C’è un’opzione per questo sul plugin WP Rocket oltre all’opzione CSS / JS che blocca il rendering nella scheda File statici.

Implementa i trucchi o le soluzioni che sembrano più pratiche ed efficaci per il tuo sito. Scegli VPS o hosting dedicato o affidati ai plug-in e agli strumenti specializzati per fare in modo che il tuo sito web raggiunga nuove vette.

Cos’altro possiamo fare per migliorare la velocità e possiamo convincere qualcun altro a farlo per noi?

I titolari di aziende ottengono risultati migliori dai loro siti Web facendo solo una cosa: aumentare la velocità del sito. Quando potenzia il tuo sito Web, si occupa anche di ottimizzare le tue immagini, modificare il tuo .htaccess per te, configurare i tuoi plug-in per prestazioni migliori e affrontare qualsiasi ostacolo o collo di bottiglia sul tuo sito Web al fine di assicurarti che si carichi il più velocemente possibile.

Divertiti a velocizzare il tuo sito web! I vostri clienti lo apprezzeranno sicuramente.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me