Qual è la differenza tra hosting condiviso e hosting cloud?

Il cloud hosting o l’hosting condiviso è giusto per te?

Per rendere attivo il tuo sito Web, avrai bisogno di un fornitore di siti Web. Quando stai appena iniziando un blog o un sito per una piccola impresa, può diventare rapidamente travolgente dover scegliere tra i diversi tipi di provider web. E se hai appena iniziato, è probabile che sceglierai tra hosting condiviso e cloud hosting, a seconda del tuo livello di abilità e quantità di risorse e funzionalità necessarie. Oggi, analizzeremo le differenze tra hosting condiviso e cloud e quale stile è meglio per te.


Il cloud hosting o l'hosting condiviso è giusto per te?

Che cos’è l’hosting condiviso?

L’hosting condiviso è simile alla vita in appartamento; un proprietario divide un appartamento in singoli appartamenti che vengono poi affittati a più inquilini. Con l’hosting condiviso, il provider di hosting divide un server in unità, che vengono poi vendute ai proprietari di siti Web a pagamento.

Con l’hosting condiviso, non hai idea di chi possano essere i vicini sul tuo server. Tuttavia, ogni cliente di solito ha un limite al numero di risorse del server che può usare. Poiché condividi la potenza del server con altri, in genere è l’opzione più economica ed economica, a seconda delle tue esigenze. Tuttavia, poiché è più conveniente, ci saranno limiti più severi e non è adatto a tutti.

Che cos’è l’hosting cloud?

L’hosting cloud è un servizio che fornisce l’accesso tramite un server virtuale a un vasto pool di risorse on-demand che vengono distribuite in base alle necessità. È diventato estremamente popolare negli ultimi anni perché ti consente di gestire i carichi di picco in modo efficiente. Questo perché il tuo sito web no’t si basano su un solo server, ma invece viene chiamato un cluster di server che lavorano insieme “la nuvola.”

Poiché esiste un team di server che aiuta a fornire assistenza al tuo sito Web, è improbabile che si verifichino tempi di inattività sul tuo sito. L’hosting cloud semplifica la scalabilità di un’azienda in base alle esigenze. Il prezzo del cloud hosting è sceso significativamente negli ultimi anni e potrebbe essere una buona opzione per le piccole imprese grazie alla sua affidabilità e scalabilità.

Risorse, configurazione e gestione del server

A seconda se scegli cloud o hosting condiviso, riceverai diversi livelli di risorse del server e la flessibilità nella configurazione del tuo sito web.

L’hosting condiviso è perfetto per i principianti perché include un pannello di controllo intuitivo (di solito un cPanel) che anche chi non ha competenze tecniche sarebbe in grado di gestire. Il provider di hosting ha anche il server attivo e funzionante con tutto l’hardware necessario installato lì per te. La piattaforma ti aiuta a far funzionare il tuo sito quasi immediatamente. Poiché stai condividendo risorse, non è adatto a persone che necessitano di poca RAM, spazio di archiviazione o che vedono livelli elevati di traffico.

Inoltre, viene gestito l’hosting condiviso, il che significa che il servizio di hosting si occuperà della manutenzione del software, della configurazione dei server e della sicurezza del server. In questo modo, devi solo concentrarti sul tuo sito Web senza affrontare i problemi del server.

Al contrario, l’hosting cloud è estremamente personalizzabile e ha più risorse disponibili per ogni utente. Poiché più server stanno unendo le loro risorse per ospitare siti Web, ciò significa che puoi aggiungere facilmente risorse al tuo account. L’ambiente cloud ti consente di configurare rapidamente il tuo sito.

I migliori piani di hosting cloud includeranno anche un pannello di controllo intuitivo, accesso root e funzionalità aggiuntive. Il provider gestisce i server cloud, ciò significa che gli utenti cloud non dovranno occuparsi di problemi hardware del server o mantenere il server sicuro, simile all’hosting condiviso.

Scalabilità e prestazioni

La scalabilità può essere un enorme punto di svolta quando si tenta di scegliere se è necessario selezionare l’hosting cloud o l’hosting condiviso. Quando si tratta di scalabilità, un piano di hosting condiviso sarà molto più restrittivo rispetto al cloud hosting. Gli utenti di hosting condiviso possono accedere solo a una quantità specifica di spazio su disco, larghezza di banda e potenza del server. Potresti vedere provider di hosting condiviso che offriranno “risorse illimitate” per l’archiviazione, la larghezza di banda e gli account e-mail, ma spesso è solo un trucco per farti iscrivere. Gli utenti che superano i parametri vengono spesso penalizzati con commissioni o prestazioni ridotte.

Un piano di hosting condiviso in genere può soddisfare le tue esigenze se i tuoi siti vedono o prevede di vedere circa 30.000 visite mensili. Tuttavia, quando ricevi più traffico, potresti visualizzare errori interni dal tuo host. Se un utente ha bisogno di più risorse, deve eseguire l’aggiornamento a un nuovo piano o cambiare completamente fornitore.

Se hai esaurito il numero di risorse disponibili in un piano di hosting condiviso, potresti vedere velocità ridotte o un sito Web completamente bloccato. A seconda degli altri siti e del numero di risorse che usano, anche la tua velocità potrebbe variare.

Il cloud hosting, invece, è esattamente l’opposto. Poiché i siti Web hanno accesso a più server, gli utenti possono aggiungere istantaneamente l’archiviazione dei dati, la potenza di elaborazione e la larghezza di banda. Come bonus, il fornitore ti addebita solo le risorse che finisci per utilizzare. Quindi, anche se sopravvaluti le tue esigenze, non lo sei’t penalizzato.

Ora c’è anche la possibilità di ridimensionare automaticamente il tuo sito Web che assegnerà risorse aggiuntive al tuo server se ne avrai bisogno. Semplifica il monitoraggio dell’utilizzo delle risorse, se necessario.

Se la velocità è importante per te, l’hosting cloud in genere fornirà statistiche di caricamento della pagina migliori. I clienti di hosting e-commerce in particolare richiederanno velocità più elevate, quindi l’hosting cloud potrebbe essere una buona opzione per te.

Sicurezza

Indipendentemente dal tipo di provider Web scelto, in genere tutti includeranno certificati SSL, che crittograferanno tutti i dati. I migliori provider, indipendentemente dal tipo di hosting, avranno anche protezioni anti-virus, anti-spam e DDS. A volte puoi anche trovare plug-in di sicurezza aggiuntivi, scansioni malware automatizzate e un firewall, ma di solito queste funzionalità si trovano solo nei piani di servizio di fascia alta.

Oggi l’hosting condiviso è molto sicuro; tuttavia, ci sono possibilità di violazioni della sicurezza perché non possono esserci garanzie dovute ad altri vicini sul server. Ad esempio, se un utente di hosting condiviso commette un errore che riduce il suo livello di sicurezza, l’intero server è più vulnerabile agli attacchi perché stai condividendo un server.

Per l’hosting cloud, poiché hai un maggiore controllo sul tuo sito Web in generale, ciò significa che hai anche un maggiore controllo sul tuo sito. Sebbene il provider disponga di alcune protezioni per la sicurezza, tra cui la crittografia antivirus e dei dati, gli utenti devono assicurarsi autonomamente il livello di sicurezza. Con l’hosting cloud, è necessario installare e configurare i firewall, i sistemi di rilevamento delle intrusioni e altri strumenti di monitoraggio corretti.

Prezzi

I prezzi possono variare notevolmente sia per l’hosting condiviso che per l’hosting cloud, a seconda delle funzionalità aggiuntive richieste. Ecco perché è essenziale valutare ciò di cui hai bisogno per il tuo sito e fare le tue ricerche su una buona compagnia di hosting.

Con l’hosting condiviso, sarà generalmente il più conveniente perché stai condividendo risorse con molti altri siti Web e il fornitore ti invierà una fattura mensile coerente. È una forte opzione economica se stai cercando di gestire un sito più semplice, con caratteristiche e funzionalità standard, e don’vedo molto traffico. Se ti iscrivi a un piano che dura da uno a tre anni, puoi trovare sconti significativi, contribuendo a rendere questa opzione ancora più conveniente.

I piani di cloud hosting non ti invieranno una fattura standard ogni mese, ma ti invieranno una ripartizione della fattura con le risorse precise utilizzate durante quel periodo. Sfortunatamente, ciò può rendere difficile anticipare l’importo della fatturazione, soprattutto se l’account di hosting è impostato per aumentare automaticamente con le richieste di traffico.

Caratteristiche comuni

Il prezzo, l’allocazione delle risorse e la configurazione hanno permesso di variare notevolmente a seconda che si scelga l’hosting condiviso o cloud ma ci sono alcune funzionalità che generalmente rimarranno coerenti.

Assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7: questo è diventato uno standard del settore e la maggior parte degli host fornirà la possibilità di contattarli via e-mail, chat o telefono. Quando si sceglie il proprio fornitore, guardare oltre le ore di servizio al cliente ma i loro tempi di risposta tipici. Anche se l’assistenza clienti è disponibile 24 ore su 24, è necessario un provider che possa rispondere rapidamente in caso di problemi con il sito Web.

Garanzie di uptime: mentre i provider di cloud hosting generalmente avranno garanzie di uptime più elevate, vedrai che la maggior parte degli host promettono un uptime standard del settore del 99,9%.

I nostri migliori provider di hosting cloud

I nostri migliori provider di hosting cloud

Prezzo di partenza:
$ 59.95


Affidabilità
9.7


Prezzi
9.5


Di facile utilizzo
9.7


Supporto
9.7


Caratteristiche
9.6

Leggi le recensioni

Visita FastComet

I nostri migliori provider di hosting cloud

Prezzo di partenza:
$ 10.00


Affidabilità
9.4


Prezzi
9.2


Di facile utilizzo
9.2


Supporto
9.3


Caratteristiche
9.3

Leggi le recensioni

Visita Cloudways

I nostri migliori provider di hosting cloud

Prezzo di partenza:
$ 71.00


Affidabilità
9.8


Prezzi
9.4


Di facile utilizzo
9.7


Supporto
9.8


Caratteristiche
9.7

Leggi le recensioni

Visita SiteGround

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me