Gideon Greenspan è l’esperto dietro Copyscape. Ecco la sua storia.

Intervista a Gideon Greenspan, Co-Founder e CTO Copyscape Indigo Stream Technologies

Gideon Greenspan può essere meglio descritto come un imprenditore seriale. Ha creato il famoso Copyscape ed è stato coinvolto in più progetti di quanti la maggior parte di noi possa contare. Ci siamo seduti con lui per saperne di più sulle sue esperienze e su come è andato nel plagio controllando, tra le altre cose – e come (e perché) è andato per un dottorato di ricerca, e, naturalmente, i suoi talenti imprenditoriali.


Intervista a Gideon Greenspan, Co-Founder e CTO Copyscape Indigo Stream Technologies

Ehi Gideon, è fantastico connettersi con te. Copyscape è abbastanza onnipresente in questi giorni. Cosa ti ha ispirato a crearlo?

Indigo Stream Technologies, la società dietro Copyscape, ha inizialmente sviluppato un prodotto chiamato Google Alert (ora Giga Alert), che è un servizio di avviso di ricerca generale che invia un’e-mail quando vengono trovati nuovi risultati per frasi di ricerca definite dall’utente. Le persone lo usano per tracciare le menzioni della loro azienda, prodotti o nomi personali.

Nel 2003/4 abbiamo ricevuto un paio di email dagli utenti di Google Alert che ci dicevano che ciò li aveva aiutati a trovare casi di plagio dei loro contenuti. Un plagio aveva copiato del testo dal loro sito e l’aveva usato sul proprio sito, ma era troppo pigro per cambiare persino il nome dell’azienda o del prodotto all’interno del testo rubato. Un po ‘ridicolo se ci pensate.

In ogni caso, dopo aver ricevuto un paio di email come questa, ci ha fatto pensare che forse c’era spazio sul mercato per un servizio che è specificamente dedicato alla verifica del plagio dei contenuti online.

Hai un dottorato di ricerca in informatica (da qui la designazione di dottorato) e un master in informatica. Cosa ti ha fatto perseguire i titoli di studio che hai?

io’ho programmato fin da quando ero bambino, quindi sono stato naturalmente attratto dallo studio della materia in modo più accademico. Sebbene fossi un programmatore decente prima di studiare all’università, acquisire il background teorico ha fatto una grande differenza in termini di capacità di sviluppare algoritmi efficienti, sistemi scalabili e simili. Ho studiato il dottorato in particolare perché stavo prendendo in considerazione di perseguire una carriera accademica, ma alla fine ho deciso di non farlo. Ma ho usato molto di ciò che ho imparato durante il mio dottorato di ricerca durante lo sviluppo di Copyscape e altri servizi.

Hai fondato molte aziende. Puoi parlarci delle tue esperienze in questi?

Ognuna è diversa, ma dove quelle aziende hanno avuto successo descriverei il percorso in questo modo: scegliere un’area emergente interessante e sviluppare un buon prodotto correlato a quell’area. La tua prima idea di prodotto probabilmente ha vinto’essere un successo, ma ti consentirà di ottenere alcuni indizi sulle esigenze del mercato che sono correlate a ciò che hai sviluppato e, si spera, scoprire dove si trova un’opportunità molto più grande (ma ben nascosta). Questo secondo prodotto è quello che renderà l’azienda un successo. Questa è esattamente la storia di Copyscape e mi è successa molte altre volte.

Ti considereresti un "imprenditore seriale?" Quali consigli puoi dare agli aspiranti imprenditori che vogliono essere come te?

Immagino di essere un imprenditore seriale, ma non lo faccio’Non credo di poter dare consigli a qualcuno che “vuole” essere così. È solo il mio modo naturale di essere, e mi è successo per caso con la mia prima attività (shareware Macintosh). È il risultato di un desiderio istintivo di trovare bisogni di mercato insoddisfatti e costruire prodotti che rispondano ad essi. Ma se qualcuno ha questo nei loro geni, allora il mio consiglio sarebbe: lavorare sodo, essere un perfezionista in codice e parole, prestare molta attenzione al feedback degli utenti, perseverare con un’idea ma non per troppo tempo, cercare opportunità d’oro nascoste, e più dai, più tornerai.

Come hai commercializzato CopyScape – o, più succintamente, in che modo Copyscape è diventato grande come adesso??

L’unica cosa che abbiamo fatto che potresti prendere in considerazione “marketing” sono i banner di Copyscape, che offriamo alle persone da posizionare sul loro sito. Penso che facciano parte della storia della crescita, ma per il resto era semplicemente una questione di passaparola, da autore di contenuti a agente a compratore a agente a autore, avanti e indietro, molte volte per molti anni. io’d dire che ci sono voluti circa 8 anni da quando abbiamo lanciato Copyscape a quando era penetrato nella maggior parte del mercato, crescendo costantemente al 70% all’anno.

Puoi parlarci un po ‘del piano premium di Copyscape e di come si differenzia dal piano non pagato?

La ricerca Copyscape non retribuita consente di inserire contenuti solo tramite URL, esegue una ricerca meno approfondita ed è limitata a un numero limitato di controlli al mese, limitati dal dominio e dall’IP. esso’è davvero solo un modo per ottenere un assaggio di Copyscape, e oggigiorno la maggior parte del nostro utilizzo è attraverso i servizi a pagamento. Copyscape Premium costa 5 centesimi per ricerca (di qualsiasi tipo) in modo semplice e diretto, esegue un controllo del plagio più approfondito e non ha limiti di utilizzo.

Cos’è Copysentry?

Copysentry è un servizio di avviso che ti consente di configurare le tue pagine Web una volta, quindi esegue automaticamente ricerche giornaliere o settimanali per copie dei tuoi contenuti, avvisandoti via e-mail quando una nuova copia appare online. esso’è molto simile all’idea di Giga Alert, ma per trovare nuovi casi di plagio piuttosto che ricerche di carattere generale.

Vedo che stai lavorando anche nel mondo blockchain. Raccontaci un po ‘di questo e quali promesse vedrai per questa tecnologia in futuro.

Le blockchain sono una tecnologia molto interessante ma sfortunatamente sono state anche seriamente sovrascritte. Se noi’parlando di blockchain chiuse piuttosto che di reti pubbliche come bitcoin, sono un modo per consentire a un database di essere condiviso in modo diretto e sicuro – in un senso di scrittura – tra più parti, senza richiedere un amministratore centrale. Ciò è utile per tutti i tipi di scopi, come la creazione di sistemi finanziari leggeri o record interaziendali. Fondamentalmente’s un nuovo tipo di database e analogo in questo senso alla categoria NoSQL.

Come semplifichi Bitcoin e tecnologie simili a persone che non lo capiscono? Sembra ancora difficile da raggiungere ed è per questo che non ha l’adozione che potrebbe.

io’Non sono così preoccupato da questa domanda perché penso che il bitcoin sia una tecnologia affascinante con alcuni casi d’uso reali, ma non lo faccio’credo che abbia le caratteristiche che lo renderanno popolare per l’adozione tradizionale. Per i consumatori abituali’s peggio del denaro emesso dal governo che si trova in un conto bancario e può essere speso utilizzando una carta di credito.

Come hai tempo per tutto? 🙂

Mi piace lavorare sodo e odio perdere tempo o fare qualsiasi tipo di attività che può essere automatizzata con un po ‘di codice del computer.

C’è qualcos’altro a cui stai lavorando o di cui dovremmo sapere?

I tuoi lettori potrebbero anche essere interessati a Cloudlook, che fornisce confronti in tempo reale delle prestazioni per i principali provider di cloud hosting e consente agli utenti di confrontare i propri server’ performance usando un semplice script PHP.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me